“Nazitalia”, cronaca e perché di un Paese che convive col fascismo: e il social network più utilizzato al mondo non ne permette l’utilizzo del titolo corretto: quindi lo troverete come Naz1talia

35765925_435599463574575_5813225401773719552_n

Scrittore e giornalista de “LaRepubblica” Paolo Berizzi, racconta e documenta il viaggio nella galassia nera che vuole “farsi Stato” attraverso associazioni, raccolte fondi e mirate campagne di odio sociale e ieri sera è stato ospite presso la Sala D’Attorre di Casa Melandri all’evento “Incontro con l’autore” organizzato dall’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in Ravenna e Provincia, con la presentazione del Direttore ISREC Ravenna Giuseppe Masetti e l’introduzione del Sindaco di Ravenna, Michele de Pascale.

C’è un sottile filo nero che unisce concerti rock, colonie estive e raccolte fondi (innocenti solo all’apparenza) con adunate, saluti romani e premeditate campagne di odio online. Quel filo nero sta diventando sempre più il cordone ombelicale per un’Italia che sembra aver premuto l’acceleratore verso il passato e l’estrema destra. Di quel Paese ne delinea un ritratto Paolo Berizzi che per Baldini+Castoldi, ha pubblicato Nazitalia – Viaggio in un Paese che si è riscoperto fascista”.

Scrivendo in prima persona e con una documentazione da ricercatore, l’autore scandaglia l’attualità, la politica e la cronaca (non a caso) nera dei giorni nostri. Non lo fa per portare a galla sporadiche nostalgie del Ventennio. Non lo fa per raccontare dispute di provincia alla Peppone e  Don Camillo. Berizzi scrive per denunciare come la galassia fascista fatta di sigle e associazioni sia ormai radicata. Un mondo quasi alla luce del sole, un mondo tollerato se non già riconosciuto dall’opinione pubblica diffusa nonostante esista ancora il reato di apologia del fascismo.

Il volume offre uno spaccato della nostra società declinata in chiave nazifascista. Se CasaPound e Forza Nuova sono le facce della medaglia più conosciute, dall’altra lottano per il riconoscimento la Generazione Identitaria, gli Hammerskin, Lealtà Azione e Skin4Skin. Lo fanno nel loro ambito, scrive Berizzi, cercando di farsi Stato. Laddove non arriva uno Stato decadente in mano a capitalismi e immigrati vari ci sono loro. Ci sono, ad esempio, le associazioni che aiutano i bambini italiani meno fortunati ad andare in vacanza come recitava un volantino trovato nella cassetta delle lettere in un condominio di San Giuliano Milanese. A promuovere il campus era Evita Peron,  area Forza Nuova: dai video social post-vacanzina (tenutasi dal 31 luglio al 6 agosto a Catania) si vedono bambini impegnati in attività quasi militari: “Inni del tricolore, disciplina e fila ordinate”.

Già, l’ordine. L’ordine ricorre in più passaggi di Nazitalia (ved la marcia commemorativa al cimitero milanese di Musocco il 29 aprile 2017) così come le storie. Violente o meno, conosciute o meno. Berizzi racconta quella di Luca Celeste, membro degli hammerskin, costola “d’elite” del Ku Klux Klan americano che si è diffusa in tutto il mondo. Celeste uccise il padre che, appena scarcerato, tentò di rimettere le mani addosso alla madre. Si è fatto nove anni di carcere, ha studiato e ricominciato a vivere. Celeste, oggi amministratore di reti informatiche, ha raccontato la sua storia sul palco della Leopolda a Firenze, nel novembre 2010.

La storia è quella del Greco, ossia  Vassilios Caratossidis che, dopo anni di botte, agguati e sangue ha chiuso con l’universo nero nel 2010. E’ il pentito. “Ho creduto in un’idea che non c’è più” dice ora perché “il fascimo è diventato una holding”. Le storie sono quelle false, quelle fake news che girano sul black web, fonte di proselitismo: l’ultradestra ama la Rete e il sentimento nero viene ricambiato via social. Siti e pagine dedicate vengono chiusi oggi e rispuntano domani cambiando una virgola nell’intestazione. Le fake no, quelle girano di bacheca in bacheca, da chat a chat. E chi se ne frega se Krysten Ritter, attrice Usa di “Breaking Bad” in quelle bacheche diventi per magia “la sorella di Laura Boldrini a capo delle cooperative che lucrano sulla pelle dei profughi”.

L’autore di “Nazitalia”, inviato de La Repubblica, dal marzo 2017 vive sotto tutela per le minacce ricevute.

Ciò che non tutti sanno, e che Paolo ieri ci ha svelato, che il più popolare social network del mondo non ha permesso di utilizzare NAZIITALIA come titolo della pagina per promuovere gli eventi “incontro con l’autore” legati alla presentazione del libro sparsi in tutta Italia che troverete con un “1” al posto della “I”

https://www.facebook.com/Naz1talia/

Noi vi consigliamo di seguirla #controtuttiifascismi #antifascisti #NazITalia #PaoloBerizzi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...